Ponte Buggianese - Pistoia

Ponte Buggianese Turismo - Affreschi di Pietro Annigoni e Padule di Fucecchio

La chiesa

Edificio costruito nei primi anni del 1500 dedicato a S. Giuseppe, in origine era un piccolo oratorio, ma con l'aumento della popolazione nel 1628 venne deciso di ristrutturarlo allargando la sua struttura e cambiando l'orientamento della facciata da mezzogiorno a ponente. Nella seconda metà dell'800 vennero effettuate anche altre modifiche.

Foto Santuario Il nome attuale della chiesa è Santuario della Madonna del Buon Consiglio e attira tanto interesse per il ciclo di affreschi dipinti da Pietro Annigoni e dai suoi allievi, a partire dal 1967.
Grazie a tale affreschi, nel 1978, l'edificio venne riconosciuto come chiesa monumentale di notevole interesse artistico dal Ministero dei Beni Culturali.
Nei vari dipinti si susseguono temi biblici ed evangelici come "Il profeta Isaia e Geremia", "Deposizione e Resurrezione di Cristo", "L'ultima cena", "I quattro cavalieri dell'Apocalisse" etc.

Nel 1643 venne concesso alla chiesa di Ponte Buggianese da parte del Vescovo di Pescia, Mons. Ricci, un Fonte Battesimale in pietra e marmo che attualmente si trova nel piccolo Museo parrocchiale vicino alla chiesa dato che venne spostato per far posto ad un affresco del Maestro Annigoni nel 1973.
Il museo conserva vari oggetti come numerosi paramenti sacri del 1600-1700, alcune statue sacre del '600, reliquari del '700, candelieri, vasi sacri, monete, santini, croci e altri oggetti di chiesa, alcuni testi antichi fra cui un'edizione dei Promessi Sposi risalente al 1832.

Ultimamente la chiesa è venuta in possesso di una reliquia della Passione del Signore: la Sacra Spina , proveniente dalla corona di Gesù, che è conservata in un reliquiaro del '700 in legno dorato.



Padule di Fucecchio

Il Padule di Fucecchio si distingue nettamente dal paesaggio agrario circostante, caratterizzato com' dalla presenza dell'acqua, di lunghi filari di pioppi, ma soprattutto dalla presenza di una fauna e una flora difficilmente osservabili altrove.

Foto Padule Nelle acque del Padule vivono ancora, infatti, specie ittiche quali il luccio la tinca, l'alborella, il pesce gatto, l'anguilla e il persico sole. Fra i volatili si pu ricordare il tuffetto, l'airone cenerino, tarabuso, il fischione, il piviere, la pavoncella, il porciglione, la gallinella, la pavoncella, il porciglione, la gallinella, la folaga, il germano reale e l'alzavola.

Gran parte di questo territorio raggiungibile e visitabile tramite percorsi che seguono l'intreccio dei sentieri e degli argini esistenti. È possibile così ammirare da vicino le rare piante acquatiche e osservare le oltre 200 specie di uccelli che frequentano la zona, in particolar modo durante la primavera e la stagione riproduttiva.